… portai alle labbra un cucchiaino di té, in cui avevo inzuppato un pezzetto di Madeleine

… portai alle labbra un cucchiaino di té, in cui avevo inzuppato un pezzetto di Madeleine. Ma, nel momento stesso che quel sorso misto a briciole di focaccia toccò il mio palato, trasalii, attento a quanto avveniva in me di straordinario. Un piacere delizioso m’aveva invaso […] Donde veniva? Che significava? […] Depongo la tazza e mi rivolgo al mio animo. Tocca a esso trovare la verità […] Chiedo al mio animo ancora uno sforzo, gli chiedo di ricondurmi ancora alla sensazione che fugge […] Certo, ciò che palpita così infondo dev’essere l’immagine, il ricordo visivo, che, legato a quel sapore, tenta di seguirlo fino a me. Ma si agita in modo troppo confuso; […] Toccherà mai la superficie della mia piena coscienza quel ricordo, l’attimo antico che l’attrazione d’un attimo identico è venuta così di lontano a richiamare, a commuovere, a sollevare nel più profondo di me stesso?
Marcel Proust – À la recherche du temps perdu
© Carlo Buffa
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...